Cocktails

Bloody Mary Cocktail | Videoricetta facile by Tuttomag

L’invenzione del Bloody Mary risale a circa un secolo fa, ma sono varie le leggende legate a questo particolare cocktail: qualcuno attribuisce il merito di questa invenzione ad un barman partito da Parigi per New York negli anni ’20,

altri pensano sia stata di qualche attore negli anni ’30 l’idea, altri ancora legano il nome di questa particolare bibita alcoolica ad una cameriera che lo serviva in un bar (Bloody Bucket) che aveva proprio il nome Mary, per questo “Bloody Mary”.

Se riguardo la sua origine non si hanno notizie particolarmente attendibili, certa è la differenza del dosaggio degli ingredienti che si è verificata nel tempo.

All’epoca infatti, il cocktail veniva servito con pari dosi di vodka e succo di pomodoro e non vedeva ancora l’introduzione di alcuna spezia nella sua preparazione.

Qui di seguito vi proponiamo la versione attuale, molto semplice da preparare a casa anche se non siete barman navigati, che vede come ingredienti: vodka, succo di pomodoro, il succo di un limone, salsa Worcester, tabasco, sale e un gambo di sedano a guarnire.

Ingredienti per il Bloody Mary: vodka, succo di pomodoro, succo di limone, salsa Worcestershire (o salsa Worcester), tabasco, sale, sedano.

Prendete un bicchiere Tumbler basso, mettete il sale sul fondo del bicchiere (fino a coprirlo), qualche goccia di salsa Worcester, qualche goccia di tabasco (dosatelo a seconda del vostro gusto ma sappiate che è molto piccante),

versate il succo di un limone che avrete precedentemente spremuto, la vodka (circa il doppio rispetto al succo del limone), aggiungete ora il succo di pomodoro che avrete conservato in frigorifero, (lo troverete facilmente nei supermercati imbottigliato come i succhi di frutta), guarnite ora con il gambo del sedano.

 

 

Melissa Sanapo

Lascia un commento