E-commerce e piccoli artigiani: come gestire la vendita online in totale sicurezza

E-commerce e piccoli artigiani: come gestire la vendita online in totale sicurezza

Il nostro mondo sta cambiando velocemente, dalla rivoluzione tecnologica alla crisi economica fino all’attuale emergenza sanitaria. Questi cambiamenti hanno purtroppo costretto molti a rivedere il loro ruolo nel mondo del lavoro e a trovare nuove strategie e modalità professionali. In questo senso la tecnologia viene in nostro soccorso, sia perché permette lo smart working, sia perché permette a piccoli negozi e artigiani di allargare il proprio bacino di utenza attraverso la vendita online. Certo, i passaggi per aprire un e-commerce non sono sempre semplici e immediati, ecco perché abbiamo realizzato una piccola guida per gestire la vendita online in totale sicurezza.

Perché aprire un e-commerce? Primi passi…

I benefici nell’aprire un negozio virtuale sono molti, soprattutto per i piccoli artigiani. Il negozio è aperto 24 ore su 24, non ci sono spese di affitto e mantenimento e come abbiamo già detto si può raggiungere un’utenza molto più ampia (anche all’estero volendo). Naturalmente un e-commerce è un negozio a tutti gli effetti dunque bisogna per prima cosa informarsi con il proprio commercialista riguardo alle ultime normative in vigore rispetto a registro dei corrispettivi, INPS, e anche e soprattutto i diritti dei consumatori. Il consiglio primario è quello di tenere sempre tutto in ordine e di essere trasparenti: ricordatevi di registrare ogni incasso e ogni fattura, di segnalare sul proprio sito web partita IVA e ragione sociale, e naturalmente di tenere la contabilità e la merce in ordine.

Come vendere online

Ma da che parte iniziamo a vendere online? Naturalmente è necessario un sito web aggiornato che posso essere integrato con una delle piattaforme di e-commerce più diffuse, come Presta Shop, Magento o WooCommerce. Con un po’ di pazienza e di studio, queste piattaforme online possono essere assemblate e attivate anche in autonomia, senza ricorrere a sviluppatori e webmaster. Naturalmente è necessaria anche una strategia e pianificazione della propria presenza online: pubblicità, social media, offerte, sconti e affiliazioni.

Dopodiché sarà necessario caricare i prodotti sull’e-commerce, con una procedura abbastanza macchinosa ma che permette di tenere sotto controllo vendite e quantità. Se si dispone di un magazzino fisico per la propria merce è necessario, come per i negozi tradizionali, effettuare:

  1. Controllo quantità

È importantissimo avere sempre sotto controllo il numero di pezzi disponibili per evitare di accettare ordini di prodotti non disponibili. Allo stesso tempo dunque è necessario tenere sempre aggiornato l’inventario di magazzino.

  1. Catalogazione

Una buona idea può essere catalogare la merce per tipologia e/o colore, dimensione, qualunque sia la suddivisione più adeguata al tipo di prodotto venduto. 

  1. Ottimizzare

A questo punto potete ottimizzare il processo attraverso un software gestionale in cui riportare tutti i dati o, se la non disponete di un grande numero di prodotti, affidarvi ad un semplice foglio Excel con cui tenere traccia di vendite e inventario attraverso delle semplici formule. 

Pagamenti e spedizioni

Le modalità qui possono essere diverse: potete scegliere di integrare PayPal e altre forme di pagamento online nella vostra vetrina virtuale, per garantire al cliente anche serietà e un’assicurazione aggiuntiva. Stesso discorso per le spedizioni: potete scegliere vari sistemi tenendo conto sempre dell’affidabilità e del rapporto tra costi e guadagni netti. 

Sicurezza online

Non dimenticate poi di offrire un ambiente sicuro per i vostri clienti. Monitorate sempre lo stato di salute del vostro sito web e difendetevi da possibili attacchi informatici e perdita di dati sensibili attraverso delle connessioni sicure come le VPN. Nel vostro sito infatti registrate anche i dati dei clienti, ed è dunque bene munirvi di privacy policy e di strumenti per tenere alla larga occhi indiscreti!

Un e-commerce gestito in sicurezza e nel rispetto delle regole richiede certamente un investimento iniziale ma una volta avviato può portare a numerosi benefici, anche per i piccoli artigiani.