Fashion & StyleLifestyle

Come organizzare un compleanno e sopravvivere | by Tuttomag

“Mamma, quanto manca alla mia festa di compleanno?”…Rieccoci. Un anno passa più velocemente di quanto immaginiamo ed è già ora, (di nuovo?) di organizzare la festa di compleanno del nostro bambino. Prese dai mille impegni della vita quotidiana non ci siamo nemmeno accorte che fra poco, il nostro pargoletto soffierà un’altra volta sulle candeline!

Come ogni bambino, lui (o lei) starà facendo il conto alla rovescia in attesa della festa di compleanno più strabiliante, mentre per noi si prospetta uno dei periodi più stressanti dell’anno.

Non facciamoci prendere dal panico, forse il tempo a nostra disposizione non è cosi poco e autoconvincersene ci aiuterà a non impazzire.
Quello che ho imparato nel tempo e solo dopo varie crisi di nervi, è che sarà utilissimo stilare una lista delle cose da fare per non tralasciare niente.

In cima a questa, ovviamente, ci saranno due cose (si, lo so, ho scritto due): la lista degli invitati e la location da utilizzare per la festa, e a meno che non si tratti di invitare un paio di amichetti per una merenda tra pochi intimi, o non disponiate di un’enorme casa con annesso giardino, sconsiglio vivamente di optare per casa propria! Per questo entrambi i punti hanno la stessa importanza e meritano il primo posto nella nostra lista.

In effetti sarebbe più comodo non dover trasportare sacchetti di palloncini, decorazioni e cibarie fuori dalle mura domestiche, ma per esperienza personale, posso dirvi che anche se pensate di non avere tanti candidati ad essere invitati, una volta inclusi parenti stretti e migliori amici, avrete già sfiorato la soglia delle quaranta persone.

Non meno importante il tema della festa del compleanno:

a seconda dell’età il vostro bambino avrà le idee già molto chiare sul proprio personaggio preferito, e credetemi, iniziano prima di quanto immaginiate a pianificare tutti i dettagli! Facile per loro, basta la fantasia.

Poco importa come si materializzeranno sagome giganti o mascotte dei loro idoli..soprattutto non immaginano i costi delle suddette pretese!

Anche in questo caso, l’esperienza mi ha insegnato che invece di acquistare duecento gigantografie e palloncini personalizzati con l’effige del tal Topolino o Principessa Sissi, sarà sufficiente riprendere il colore principale, ad esempio il rosso, il bianco e il nero per Topolino, acquistando tovaglioli monocromatici e molto meno dispendiosi di quelli a tema.

Lo stesso varrà per tutte le qualsivoglia vettovaglie che ricordino il loro “idolo”.
Considerate che agli occhi dei vostri bambini e dei loro amichetti, tutto quel giorno godrà di un’atmosfera pressoché magica, non dovremo sforzarci quanto pensiamo perché un semplice piatto rosso sia il piatto usato da Topolino in persona a casa sua!

Risparmiare sulle decorazioni non vuol assolutamente dire tralasciare i dettagli di una festa a tema e se la vostra capacità manuale è almeno al pari di un bambino delle elementari, non avrete alcuna difficoltà a fare la maggior parte delle cose da sole cosi da risparmiare ulteriormente! (fatevi aiutare dai vari tutorial su internet, ormai se ne trovano per costruire qualunque tipo di decorazione).

Io ad esempio adoro mettere targhette che ricordino il personaggio scelto da mio figlio su ogni bottiglietta, barattolo o ciotola usata nell’allestimento del buffet, l’ultima volta le liquirizie ripiene erano dinamite, e gli involtini primavera munizioni, avendo scelto i colori camoufflage della guerra!

Scelto il tema e il tipo di decorazioni non vi rimane che buttar giù qualche idea sul menù: anche qui a meno che non siate particolarmente pignole come la sottoscritta, sarà sufficiente una succulenta merenda che a seconda delle età degli invitati includerà succhi di frutta o bibite gassate.
La cosa più importante non sarà cosa mangeranno i vostri piccoli commensali, ma come gliela presenterete.
Immaginate un piccolo cestino per la merenda, di quelli di cartoncino a mo’ Mc Donald (che potrete tranquillamente ordinare on line su vari siti a poco prezzo e senza doverne per forza acquistare 250) che conterrà piccoli finger food, mini hamburgers (gli amici di mio figlio adorano i miei!), una bibita a misura di bambino e ovviamente un piccolo gadget che potranno portare via dopo la festa!
Spargete qua e la piccoli contenitori contenenti caramelle, io molte volte allestisco un piccolo buffet solo di queste (sono la mia passione!).

Resta ora da decidere che cosa faranno i presenti prima e dopo la merenda:
potrete proporre voi qualche gioco di gruppo (da “attacca la coda all’asino”, al gioco della sedia con la musica) o pensare a qualche piccolo lavoretto da far fare ai pargoli tutti insieme se la location scelta dispone di tavolini a misura di bambino.
Anche qui non sarà difficile farli divertire, qualche foglio con dei pennarelli, colla e brillantini.. e avrete bimbi imbrattati ma felici in pochissimo tempo!!
Molto più semplice affidarsi ad un animatore o ad una truccabimbi che faccia il lavoro dell’intrattenitore per grandi e piccini (credetemi i glitter tattoo sono molto apprezzati anche dalle mamme).
In questo caso potrete davvero rilassarvi anche voi partecipando ai balli di gruppo.

Eccoci al momento della torta: se il vostro bambino lo ama particolarmente oltre al personaggio protagonista vorrà scegliere il gusto e la forma.

Se vi rivolgerete ad un professionista non dovrete preoccuparvi di nulla (ovviamente fate in modo che sia di vostra fiducia prima di trovarvi di fronte ad una torta che sembri un mostro invece del vostro beneamato Topolino).
Se invece, prese dall’entusiasmo delle prime feste, vorrete cimentarvi personalmente nella preparazione della torta di compleanno, non lasciatevi intimorire: le rare volte che ho deciso di far la pasticcera oltre alla party planner e ai miei occhi si presentava una torta di dubbie forme, ho sempre ricevuto un sacco di complimenti da tutti gli amichetti invitati!
Gioca a nostro favore l’età dei bambini ai quali poco importa di una pasta di zucchero stesa male o troppo spessa!

Non rimane che l’apertura dei regali: anche qui non avrete un grosso lavoro ad attendervi se non quello di essere rapide nell’ammucchiare da un lato tutto quello che in un nanosecondo vostro figlio scarterà e lancerà passando al regalo successivo!

Dopo poco inizieranno i congedi… tra piatti sporchi e brillantini incollati ai tavolini.. potrete tirare un sospiro di sollievo.

La festa sarà stata un successone e avrete reso felice il vostro piccolo principe o la vostra piccola principessa.
Ma non abbassate la guardia, un anno passa in fretta.. e già a casa vostra si inizia a parlare del tema della prossima festa di compleanno!

 

Melissa Sanapo
Wedding & Events Planner

www.melissasanapo.it

Melissa Sanapo